Intervista a Elena Torre, poliedrica giornalista e scrittrice

Cultura 0
Intervista a Elena Torre, poliedrica giornalista e scrittrice
0

Prossimo appuntamento 10 maggio al salone di Torino

VIAREGGIO - Intervistiamo oggi una donna - Elena Torre - che senza eccessi e senza clamori, passo dopo passo ha costruito la sua vita di giornalista e di scrittrice nella città di Viareggio, tessendo rapporti di lavoro e personali molto importanti. se così possiamo dire, e duraturi per personalità della Cultura.

Scrivere significa "fotografare" anche romanzando, la realtà. Come è cambiata la tua vita in questi 20 anni (e più) di scrittura?

"La mia vita cambia ogni giorno in base a chi incontro, cosa vedo, cosa mangio, che esperienze faccio, cosa vivo. E la scrittura cambia con me. Non posso pensarla come una cosa separata. Per certo è cambiato il passo. Mi concedo più tempo, un tempo lento. Non scrivo più per urgenza, ma per scelta e anche quando l’urgenza si presenta le sorrido e cerco archi larghi di tempo per dedicarmi a lei. Scrivo come sempre ogni giorno, un po’ di tutto ma prediligo sempre di più quello che amo".


Una scrittrice oggi come si presenta ai giovani multimediali e ormai poco abituati a sfogliare e leggere un libro?

"Ho la fortuna di appartenere ad una generazione nata con il libro in mano e di aver visto nascere il mondo digitale. Non lo scelgo per me, ma non è pensabile per chi fa il mio mestiere non conoscerlo e non tenerlo in conto. Quando vado nelle scuole, quando presento libri o modero incontri non manco mai di decantare le lodi del libro di carta che offre al lettore un’esperienza che coinvolge tutti i sensi, ma come tutti anche io ho profili social in cui racconto le cose che faccio. Tik Tok però no, non ce la faccio! ;)"


Potresti elencarmi le tue 5 più significative interviste?

"Difficile sceglierne cinque ma ci provo
Quella a Michela Murgia per la stima e l’affetto che mi ha legata a lei
Quella più recente ad Amélie Nothonb una donna di una semplicità ed un’educazione da ricordare
Quella a Margherita Hack di tanti anni fa a La versiliana che mi divertì moltissimo
Quella a Michael Cunningham il mio scrittore preferito
Quella a Neil Gaiman davanti a un cono gelato al Festival Letteratura di Mantova"

Sei anche giornalista, oltre che scrittrice, cosa consiglieresti a un giovane che volesse studiare per fare questa carriera?

"Di pensarci bene, di chiedersi cosa lo spinge a scegliere questa strada e se è disposto a mettere in dubbio ogni cosa. Di credere all’istinto ma di affidarsi parimenti alla ragione. Di farlo con passione e integrità".

Vivere in una piccola città ha limitato le tue capacità professionali o, al contrario, le ha esaltate proprio per le dimensioni che offrono opportunità diverse da una capitale economica o politica?

Non è un mistero che io ami la mia città e seppur piccola, soprattutto negli anni della mia formazione poteva vantare manifestazioni di respiro internazionale come Europa Cinema, Noir in Festival e tante altre che portavano a Viareggio personalità di spicco ed eventi magnifici. In più in Versilia soprattutto nella stagione estiva ci sono sempre stati eventi, concerti, stagioni teatrali di grande qualità che fornivano tante occasioni. Mi sono formata qui e poi se qualcosa mi interessava fuori non facevo che muovermi ;)"


Prossimo appuntamento al Salone del Libro di Torino il 10 maggio con Marisa Paschero.

Ultime notizie pubblicate

Viareggino.it, il Portale internet che "vive" Viareggio e la Versilia
Scrivici: info@viareggino.com
Ufficio Stampa: stampa@viareggino.com
Telefono: 389-0205164
© 1999-2024 - Proprietà Viva Associazione Culturale | P.Iva 02361310465

Iscriviti a Viareggino

106281902

Torna su