Teatro nel segno delle storie d’autore. E’ questo il tema del nuovo cartellone di Seravezza al via il 10 dicembre

Seravezza 0
Teatro nel segno delle storie d’autore. E’ questo il tema del nuovo cartellone di Seravezza  al via il 10 dicembre
0

Tante storie raccontate da Alessandro Benvenuti, Ottavia Piccolo, Ascanio Celestini, i Gatti Mèzzi e Claudio Lolli solo per citare alcuni dei grandi nomi del cartellone degli spettacoli 2015/2016 del Teatro Scuderie Granducali di Seravezza ( Lu) intitolato appunto “Dentro le storie”. Come ormai tradizione un teatro che, con la sapiente direzione artistica di Elisabetta Salvatori, unisce con successo narrazione a musica d’autore in grado di ritagliarsi una nicchia di pubblico affezionato ed esigente. Si comincia giovedì 10 dicembre 21.15 con lo spettacolo “Atletico Ghiacciaia” di Alessandro Benvenuti. La storia di una squadra di calcio che prende il nome da un bar e dove Benvenuti da il meglio di se stesso, tra ironie e amarezze tutte toscane, partendo dal paese per analizzare un po’ di tutto. La stessa Elisabetta Salvatori invece sale in scena lunedì 28 dicembre con lo spettacolo “La bella di nulla”. Sarà la ripresentazione dello spettacolo di debutto della Salvatori. Un monologo in cui parla, con toni toccanti e molto autobiografici, della sua bisnonna; Giuseppina Silvestri, versiliana classe 1881, ribattezzata da tutti La Bella di nulla. Donna forte e battagliera in grado di far crescere due figli dopo la scomparsa prematura del marito in mare e che amava raccontar storie nelle veglie. Uno spettacolo che è un omaggio ad una donna che sento molto vicina – ha spiegato l’attrice –, una narrazione in cui provo a vestire i suoi panni cercando di farmi continuatrice di una tradizione popolare, di un teatro di narrazione intenso e sentimentale, e così facendo è come la sentissi ancora dietro le mie spalle. In fondo il suo commento quando mi vide appena nata fu “ Questa bimba mi somiglia”, e penso che aveva ragione”. Il 10 gennaio tocca alla grande Ottavia Piccolo con “Enigma”, uno spettacolo ambientato a Berlino 20 anni dopo il crollo del muro. Due persone d’incontrano per caso dopo un temporale e da li nascono interrogativi e discussioni sul Novecento, le sue paure e le sue speranze. Una rappresentazione impegnata, difficile ma per questo coinvolgente e da vedere. Ascanio Celestini sale sul palco il 20 gennaio con “Laika”. Il popolare attore/autore romano presenta un improbabile Gesù tornato sulla Terra nei nostri giorni, cieco e costretto a vedere con gli occhi degli altri e che dice di essere stato mandato molte volte nel mondo. Vive chiuso in un appartamento di periferia affacciato davanti ad un parcheggio e si confronta con i suoi dubbi e le sue paure. Questa volta Cristo non si è incarnato per redimere l’umanità, ma solo per osservarla. Saranno invece due i concerti, il 4 febbraio con i Gatti Mèzzi, duo pisano che propone una musica, frizzante, ironica e irriverente e il 10 marzo con Claudio Lolli, uno dei più rappresentativi autori della canzone italiana. Basta ricordare “Ho visto degli zingari felici”, un inno negli anni Settanta. “Sono due stili completamente diversi – sottolinea Elisabetta Salvatori – ma gli ho scelti proprio per questo, anche se rappresentano due opposti hanno lo stesso pubblico”. Gli altri spettacoli sono “Un viaggio lungo un mondo” di Gionni Voltan del 26 febbraio, un monologo dedicato alla storia di Don Milani, e poi “Le veglie di Neri” di Massimo Grigò in scena il 10 marzo e “Maledetto nei secoli l’amore” di Valentina Sperlì, monologhi diversi ma dove si affrontano temi di grande impatto emotivo come l’amore e la ricerca del passato. “Dentro le storie, è lì che vorrei che si entrasse insieme con questi spettacoli – ha proseguito Elisabetta Salvatori - con uno stile che si riconosca e in grado di offrire agli spettatori temi, storie e artisti capaci di trasmettere emozioni. Il cartellone non ha niente di straordinario o innovativo è ma fatto di cose semplici e di grande qualità capace di creare un legame stretto tra attori e pubblico, che è poi una delle nostre prerogative”. Il cartellone teatrale “Dentro le storie” del Teatro Scuderie Granducali, Viale L. Amedei 230, è organizzato dalla Fondazione Terre Medicee e dall’assessorato alla cultura del Comune di Seravezza con la direzione artistica di Elisabetta Salvatori. Tutti gli spettacoli inizieranno alle 21.15 e la biglietteria sarà aperta dal 24 novembre dal martedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 12.00 presso la segreteria della Fondazione Terre Medicee presso il Palazzo Mediceo, viale L. Amadei 230, Seravezza, info: tel. 0584.757443 - 0584.756046, mail: segreteria@terremedicee.it sito web: www.terremedicee.it

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato ma utilizzato, solo se lo desideri, per avvisarti della presenza di nuovi commenti. I campi indicati con * sono obbligatori.

Avvisami se qualcuno risponde alla discussione: 

Lo STAFF Viareggino.it si riserva la possibilità di cancellare commenti nei quali sia utilizzato un linguaggio offensivo o vi siano offese a persone e/o cose. Ci auguriamo che le discussioni siano affrontate con serenità ed intelligenza da parte di tutti. Viareggino.it non è in alcun modo responsabile dei commenti inseriti.

Ultime notizie pubblicate

Viareggino.it, il Portale internet che "vive" Viareggio e la Versilia
Scrivici: info@viareggino.com
Ufficio Stampa: stampa@viareggino.com
Telefono: 389-0205164
© 1999-2022 - Proprietà Viva Associazione Culturale | P.Iva 02361310465

Iscriviti a Viareggino

96131105

Torna su