Baldini: "La città si aspetta di sapere a chi deve presentare il conto"

Politica 0

Venerdì 3 febbraio è convocata la Commissione di Vigilanza della Viareggio Patrimonio per l'audizione del Curatore Fallimentare Donato Bellomo e sarà una riunione importante perchè, entrati nel terzo anno post dichiarazione dissesto comunale, è interesse dei cittadini conoscere tutti i risvolti della società madre della "bancarotta" viareggina.
A maggior ragione in virtù del rapporto con OSL la cui partita procedimentale risulta strategica.
Ci sono tanti soggetti, tante aziende che a causa dei mancati pagamenti e della gestione fallimentare del Comune e delle società partecipate, sono andati "a gambe all'aria" e ci sono i cittadini che ne hanno pagato le conseguenze in termini di mancanza di servizi, in termini di perdita delle strutture pubbliche, ma anche in termini di tasse più salate.
La procedura del dissesto, come ebbe modo di dire il Dott. Giancarlo Verde quando lo incontrammo a Roma, ad inizio 2016, insieme a tutti i rappresentanti dell'opposizione. "può rappresentare un'opportunità" per l'ente dissestato !
Intendeva dire che il taglio dei crediti come previsto per legge e l'allungamento dei tempi che sfianca il creditore e lo fa accettare qualsiasi condizione pur di prendere qualcosa, finisce per ridurre la massa passiva, dando più possibilità all'ente pubblico di ritornare "in bonis".
Già, ma a quale prezzo ?
Certo non basta un colpo di spugna, una cimosa che cancella la lavagna dei numeri per dire che tutto è risolto.
Il conto alla fine rimarrà comunque ed in ogni modo sul "gobbo" dei viareggini e dei torrelaghesi.
Vedremo come andrà a finire. Ad oggi non sono ancora chiare tutte le partite che, peraltro, si giocano su tavoli diversi e non solo in Comune a Viareggio.
Attendiamo di conoscere i numeri e gli atti ma, sin da ora, non è accettabile che a fronte della procedura di risanamento, in qualunque modo termini, non vi sia un'accertamento di chi ha le colpe del dissesto.
Un danno di tale portata - 200 milioni di euro, tagliati o no che siano per legge - non può esimere, anche la politica oltre che l'autorità giudiziaria, dall'individuare quegli amministratori che delle loro responsabilità dovranno rispondere a fronte dell'entità dell'indebitamento e della sorte dei nostri beni pubblici.
Non basta fare un "dare-avere" da ragioniere, non può finire con "chi ha dato ha dato . . . . scordiamoci il passato".
La città si aspetta di sapere a chi deve presentare il conto !

Avv. Massimiliano Baldini
Capogruppo
Movimento dei Cittadini per
Viareggio e Torre del Lago Puccini

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato ma utilizzato, solo se lo desideri, per avvisarti della presenza di nuovi commenti. I campi indicati con * sono obbligatori.

Avvisami se qualcuno risponde alla discussione: 

Lo STAFF Viareggino.it si riserva la possibilità di cancellare commenti nei quali sia utilizzato un linguaggio offensivo o vi siano offese a persone e/o cose. Ci auguriamo che le discussioni siano affrontate con serenità ed intelligenza da parte di tutti. Viareggino.it non è in alcun modo responsabile dei commenti inseriti.

Ultime notizie pubblicate

Viareggino.it, il Portale internet che "vive" Viareggio e la Versilia
Scrivici: info@viareggino.com
Ufficio Stampa: stampa@viareggino.com
Telefono: 389-0205164
© 1999-2024 - Proprietà Viva Associazione Culturale | P.Iva 02361310465

Iscriviti a Viareggino

106332731

Torna su