Preparazione del cibo: Nozioni di base sulla conservazione del cibo in inverno

Attualità 0
Preparazione del cibo: Nozioni di base sulla conservazione del cibo in inverno
0

Probabile è che, in piena estate, si sia usato uno spremipomodoro elettrico per i principianti in cucina per creare numerose conserve che poi potessero servire in inverno.

E ora che l’inverno sta arrivando questo articolo vi darà dei consigli molto utili per conservare il cibo fresco senza nessun problema.


Come conservare

Abbiamo imparato, con il passare delle stagioni, che l’inverno non è un periodo utile per avere chissà quale quantità di cibo differente in tavola, quindi molti di noi preferiscono preparare conserve in estate o congelare frutta e verdura estiva (acquistata nel pieno della loro coltivazione) per avere, sempre, un quantitativo di cibo diverso, e sempre buono, nella stagione più fredda.

Ma sappiamo noi come conservare questo o quell’alimento? La prima distinzione da fare è quella tra il cibo che va in frigo e quello che non necessita di essere conservato in frigo.

I cibi da conservare in frigo

Andiamo con ordine: i cibi da conservare in frigo sono tutti quelli che si deteriorerebbero se li lasciassimo all’esterno. E quindi dobbiamo pensare a latte e uova, a carne e pesce, frutta e verdura e salumi e formaggi.

La carne e il pesce possono restare in frigo fino a sei mesi, se li lasciamo nel ripiano basso vanno consumati entro tre giorni. La frutta e la verdura, meglio se lasciate nei sacchetti di carta, vanno riposte nel cassetto apposito la cui temperatura va da 0 a 6 gradi.

Il latte e le uova vanno conservati a una temperatura che va dai 6 ai 10 gradi. Le uova si conservano per circa un mese.

I salumi e i formaggi vanno lasciati nella zona medio-fredda. I salumi meglio tenerli incartati e i formaggi freschi meglio se consumati entro 2 o 3 giorni.

Cibi che si possono conservare fuori dal frigo

Ci sono tanti alimenti che si possono non conservare in frigo partendo da marmellate e passate di pomodoro che importa che stiano al fresco, anche in un ripiano della cucina. Ma, soprattutto, abbiamo tanti cibi che è, veramente, consigliabile non inserire in frigo.
Tra questi abbiamo:
mele
arance
pane
caffè
cioccolato
banane
zucche
patate
basilico
pomodori
Il basilico è meglio non conservarlo in frigo perché perde la maggior parte del suo aroma, così come le patate che è meglio tenere fuori dal frigo perché il freddo le rende molto più dolci. La temperatura bassa, infatti, trasforma l’amido in zucchero puro.

Anche i pomodori, in frigo, perdono la loro consistenza e anche il gusto e il colore. Anche le mele e le arance perdono proprietà organolettiche e il caffè assorbe gli odori degli altri cibi conservati. Il pane va consumato fresco, se proprio vogliamo conservarlo va congelato. La cioccolata, poi, che molti tengono erroneamente in frigo, è uno dei pochi alimenti che non contiene acqua, quindi molto meglio trovare un posto in dispensa al fresco per evitare che si sciolga senza subire troppo freddo inutile e dannoso anche per le tante proprietà che, soprattutto il cioccolato fondente, porta con sé.

LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato ma utilizzato, solo se lo desideri, per avvisarti della presenza di nuovi commenti. I campi indicati con * sono obbligatori.

Avvisami se qualcuno risponde alla discussione: 

Lo STAFF Viareggino.it si riserva la possibilità di cancellare commenti nei quali sia utilizzato un linguaggio offensivo o vi siano offese a persone e/o cose. Ci auguriamo che le discussioni siano affrontate con serenità ed intelligenza da parte di tutti. Viareggino.it non è in alcun modo responsabile dei commenti inseriti.

Ultime notizie pubblicate

Viareggino.it, il Portale internet che "vive" Viareggio e la Versilia
Scrivici: info@viareggino.com
Ufficio Stampa: stampa@viareggino.com
Telefono: 389-0205164
© 1999-2020 - Proprietà Viva Associazione Culturale | P.Iva 02361310465

Iscriviti a Viareggino

85039489

Torna su