Voucher, cercasi alternativa per l'agricoltura toscana

Attualità 0
Voucher, cercasi alternativa per l'agricoltura toscana
0

Coldiretti: a rischio il lavoro accessorio ed occasionale per giovani e pensionati

Senza voucher si perdono opportunità di lavoro per giovani studenti, pensionati e cassa integrati, impiegati in campagna nelle operazioni di raccolta nella stagione primaverile ed estiva. E’ quanto afferma la Coldiretti che sottolinea la necessità di costruire ex-novo uno strumento che possa rispondere alle stesse esigenze delle imprese e dei lavoratori per non perdere opportunità occupazionali.

“Nel 2016 sono stati venduti da Inps in Toscana, per le attività agricole, 143.392 voucher – dice Tulio Marcelli Presidente di Coldiretti Toscana – che hanno rappresentato appena l’1,3% del totale, e sono pure diminuiti rispetto al 2015 dove toccarono soglia 168.000. Nel nostro settore – continua Marcelli – l’utilizzo è rimasto “incatenato” alla disciplina originaria ed hanno continuato ad essere utilizzati per il solo scopo per cui sono nati, cioè per remunerare lavoro accessorio ed occasionale, di alcune figure particolari come studenti e pensionati, per alcune operazioni specifiche come la raccolte delle uve o delle olive, quindi lavori a basso contenuto professionale e per periodi molti limitati”.

In effetti le province dove sono stati venduti il maggior numero di voucher nel 2016 sono quelle a forte vocazione vitivinicola ed olivicola: in testa Siena con 42.447 voucher, pari al 29%, seguita da Firenze con 30.089 voucher, pari al 20%, distaccata Arezzo con 18.555 voucher, che rappresentano il 12%.

“Occorre individuare subito una valida alternativa – dice Antonio De Concilio, direttore di Coldiretti Toscana – perché, con l’abrogazione della disciplina del voucher, il sistema agricolo è stato doppiamente penalizzato in quanto, se da una parte non si riscontravano nel settore indizi di abnorme e fraudolento utilizzo da dover correggere, dall’altra certamente – conclude De Concilio - in assenza di interventi adeguati, l’intero percorso di emersione intrapreso dal 2008 ad oggi rischia di essere compromesso, con l’aggiunta del danno alle imprese in termini di concorrenza, considerato che i voucher sono utilizzati in molti paesi della stessa Unione Europea”.



LASCIA IL TUO COMMENTO

L'indirizzo e-mail non sarà pubblicato ma utilizzato, solo se lo desideri, per avvisarti della presenza di nuovi commenti. I campi indicati con * sono obbligatori.

Avvisami se qualcuno risponde alla discussione: 

Lo STAFF Viareggino.it si riserva la possibilità di cancellare commenti nei quali sia utilizzato un linguaggio offensivo o vi siano offese a persone e/o cose. Ci auguriamo che le discussioni siano affrontate con serenità ed intelligenza da parte di tutti. Viareggino.it non è in alcun modo responsabile dei commenti inseriti.

Ultime notizie pubblicate

Viareggino.it, il Portale internet che "vive" Viareggio e la Versilia
Scrivici: info@viareggino.it
Ufficio Stampa: stampa@viareggino.it
Telefono: 389-0205164
© 1999-2017 - Proprietà Viva Associazione Culturale | P.Iva 02361310465

Iscriviti a Viareggino

58358937

Torna su